Peelings Chimici

Applicazione di una o più sostanze chimiche per la ricrescita di parte dell'epidermide e del derma


peelings chimici Dall'inglese "to peel" = pelare o sbucciare per peeling si intende l'applicazione di una o più sostanze chimiche insieme o in sequenza, per distruggere parte dell'epidermide e del derma perchŽ la successiva ricrescita sostituisca cute nuova al posto di cute patologica e inestetica.
La procedura è vecchia quanto l'umanitˆ dai caustici egiziani, al latte d'asina di Cleopatra, dal vino delle dame francesi al limone delle fanciulle alle Antille sempre la donna ha cercato di migliorare l'aspetto della cute del viso secondo i canoni del tempo suo.
Dalla fine del secolo scorso lo studio delle proprietˆ del fenolo, il suo utilizzo da solo o nella successiva formula di Venner-Kellson da dato dignitˆ medico-scientifica a questa procedura.

Indicazioni

    • distrubi pigmentari
    • melasma
    • esiti postinfiammatori
    • fotoinvecchiamento
    • cheratosi attinica
    • lentigo solare
    • discromie
    • elastosi
  • rughe dinamiche
  • cicatrici superficiali depresse
  • acne volgare e rosacea
  • verruche volgari
  • iperplasia sebacea

Tipi di peeling

    Bisogna a questo punto ricordare che il peeling è sempre un atto medico che richiede conoscenze e preparazione anatomica fisiologica e patologica per poter porre la corretta indicazione all'esecuzione del peeling adatto per quella specifica lesione.
    A seconda del tipo di prodotto, della sua concentrazione, della quantitˆ somministrata, dal tempo di permanenza e dalla eventuale occlusione ogni procedura di peeling pu˜ essere
  • superficiale (fino all'epidermide)
  • media (derma medio)
  • profonda (derma profondo)

Controindicazioni

Non possono essere sottoposti al trattamento pazienti in gravidanza, pazienti con importanti malattie sistemiche che interferiscano con la cicatrizzazione (insufficienza renale, diabete, malattie autoimmuni), recente trattamento con isotretinoina, infezioni da herpes, presenza di ferite aperte, soggetti con fototipo 4-5, e pazienti con patologie cardiache (per il fenolo).

Le fasi del peeling

Visita pre peeling: valutazione della lesione, del fototipo, della eventuali controindicazioni, dello stato psicologico del paziente e del suo grado di compliance
Fase pre-peeling: dura circa 15 giorni; in questa fase vengono applicati ripetutamente alla pelle preparati a base di retinolo, preparati schiarenti
Peeling
Fase post peeling: in questa fase si manifestano gli effetti del peeling: edema, eritema, lesioni crostose; lesioni desquamative, e discromie; in questo periodo fondamentale la fotoprotezione e la somministrazione di sostanze idratanti e disinfettanti. NON rimuovere squame e croste, devono cadere da sole.

Complicanze del peeling

  • infezioni batteriche
  • infezioni herpetiche
  • eritema persistente
  • ipo o iperpigmentazione
  • cicatrici

Ripetibilità del peeling

Per ottenere il risultato voluto sono necessarie generalmente più sedute di peeling; 1 o 2 se il peeling era medio-profondo, 3-5 se il peeling era superficiale;
Il peeling superficiale pu˜ essere ripetuto ogni 2-3 settimane; il peeling medio non prima di tre mesi, il peeling profondo non prima di 6 mesi.

©2016 Villa Ilaria S.a.s. - P.IVA IT01672820386 - Via Due Torri, 87 Baura (Ferrara) - Tel. e fax: 0532-705093   | Privacy Policy   |   Creazione siti by Webdimension®